Delirio di un egoista

Ieri ho visto un’immagine che mi ha fatto pensare: “Quanto è egoista l’uomo? Perché siamo così?”. “Bhè”, mi sono detta. “mia cara, sei un’ingenua. Sai quanto l’uomo sia egoista ben oltre il suo spirito di conservazione. Puoi constatarlo ogni giorno osservando i rapporti che egli ha con i suoi simili, con gli altri esseri e con l’ambiente che lo circonda”.

Quello che vedete nella foto è lo sconcertante prima e dopo di una foresta di cedri millenaria sull’isola di Vancouver, dopo che circa 33 ettari sono stati abbattuti dalla società di legname Teal-Jones, con l’approvazione del governo del Nuovo Partito Democratico canadese. Per riavere indietro la rigogliosa foresta ci vorranno come minimo 1000 anni. Ora mi domando se questi illustri uomini abbiano mai pensato che si potrebbe sopravvivere rispettando il mondo che ci circonda senza asservirlo al potere capitalista. Essi non dovrebbero intrepretare gli atti mirati alla protezione del pianeta come azioni caritatevoli o atti volti a preservare l’uomo da un oscuro futuro in cui non saranno più presenti o in cui si salveranno grazie alle ricchezze accumulate in anni e anni di sfruttamento, bensì bisogna che l’uomo comprenda che egli è in dovere di compiere questi atti perché è parte della natura che lo circonda. Ma no, gli uomini d’affari non sono d’accordo. Essi sono nel pieno del loro delirio egoistico. Non pensano affatto che il rispetto per la natura non dovrebbe essere minimamente messo in discussione, bensì esso dovrebbe essere una naturale proiezione comportamentale dell’uomo che è consapevole del proprio essere uomo. La coscienza di essere parte della natura e non qualcosa di separato da essa, è una delle più grandi scoperte che la persona possa fare perché in questo modo ella è in grado di convivere con tutti gli esseri e di uscire dall’antropocentrismo. Ma la messa da parte dell’ego, data dalla conoscenza del proprio essere all’interno e non al di fuori della natura, farebbe tanto non soltanto per ciò che circonda gli uomini, ma anche per gli stessi in quanto si rispetterebbero tutti, non ci sarebbe bisogno delle leggi perché le persone potrebbero contare sulla propria morale. Non ci sarebbero guerre, ingiustizie, sopraffazioni, al contrario ci sarebbero la libertà, l’uguaglianza, la pace, che sono i soli valori che permettono la piena realizzazione dell’individuo. Tutto questo sarebbe possibile prendendo consapevolezza di quanto sia gigante l’ego umano e ridimensionando quest’ultimo, in seguito alla presa di coscienza del fatto che il mondo non ci appartiene, bensì che noi ne facciamo parte. Questa abbassamento del nostro ego potrebbe aiutare a cancellare il sistema capitalista, basato sullo sfruttamento della natura, degli uomini e degli animali e a liberare l’uomo dalle catene delle coercizioni fisiche, economiche e morali. Come affermava Robert Owen, socialista utopista scozzese: “La colpa non è dell’individuo, ma del sistema in cui l’individuo è stato creato”.

Dunque acquisite consapevolezza, uscite dal vostro ego e ANARCHIA PER VOI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...