Intervista al gruppo horror punk “L’esperimento del Dr. K”

Eccoci di nuovo dopo le agognate vacanze con un’altra intervista per la rubrica “PUNXVOICES” al gruppo horror punk “l’esperimento del Dr. K”. I ragazzi sono di Genova e hanno già inciso l’EP “L’esperimento del Dr. K” e il CD “Terrore sul mondo” con Flamingo Records. Il loro sound è oscuro e horrorifico ed è fortemente influenzato dai Misfits. Allora siete pronti a scoprire di più su di loro?

Come è iniziato il vostro percorso? Presentatevi.
L’Esperimento del Dr.K nasce nel 1997 come side-project delle Formiche Atomiche ma dura lo spazio di qualche prova e un disastroso concerto. Rinasce dalle foschie brumose dell’oblio nel 2018 con nuovi componenti ma lo stesso piano criminoso: conquistare il mondo!
Quali sono stati gli artisti che più vi hanno influenzato?
Il progetto è un atto d’amore incondizionato per i Misfits (1977-1983) e credo appaia evidente anche ad un ascoltatore parecchio distratto. Ovviamente dentro il nostro calderone sonoro potete trovare altri elementi (Ramones in primis, ma anche rock’n’roll anni ’50 o garage degli anni ’60) tutti comunque più o meno riconducibili alla formula perfezionata da Danzig & company.
Perché avete scelto ‘L’Esperimento del Dr.K’ come nome del gruppo?
Siamo appassionati di film dell’orrore vecchi e nuovi e ‘L’Esperimento del Dr.K’ è il titolo italiano (parecchio fantasioso, a dire il vero) di “The Fly”, pellicola del 1958 diretta da Kurt Neumann e interpretata dall’immortale Vincent Price. Il suono richiama anche certi gruppi beat italiani anni ’60 e l’idea ci piaceva, vista anche la scelta non facile di cantare in italiano.
Quali sono i vostri film horror preferiti e che vi hanno influenzato maggiormente?
Domanda moooolto complessa. Diciamo che le nostre preferenze variano a seconda del periodo e dell’umore, ma il Dr.K sfoggia una collezione di film horror piuttosto ben nutrita che spazia dai classici dell’espressionismo alle ultime novità italiane. Alla fine però i classici Universal degli anni ’30 e ’40 sono quelli ai quali ritorniamo con maggior costanza…
Come mai avete scelto il sottogenere dell’horror punk? Cosa vi ha affascinato di più?
In realtà, come dicevamo prima, il nostro unico pensiero era quello di prendere la lezione dei MIsfits e di riprodurla il più fedelmente possibile. L’idea di cantare in italiano è stata forse la parte più difficile, anche perché è facilissimo cadere in cliché più o meno abusati o affondare senza pietà nel ridicolo involontario. Speriamo di avere evitato entrambe le trappole.
Ora stiamo vivendo un periodo un po’ difficile, nonostante ciò avete dei progetti in programma?
Il periodo è decisamente difficile ma cerchiamo di non scoraggiarci! Sul versante discografico continua la nostra collaborazione con Flamingo Records che ha appena dato alle stampe l’edizione giapponese di ‘Terrore sul Mondo’ (con tanto di traduzione dei testi e obi strip dedicato) e pubblicherà a brevissimo anche il nostro primo live. Per quel che riguarda i concerti tutto è ancora da definire, ma abbiamo qualche progetto top secret che speriamo di poter svelarvi al più presto.
Preparatevi a NOTTI DI TERRORE con il DR.K!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...